sábado, 8 de janeiro de 2011

Bispos brasileiros ameaçados de morte por defender a vida

A Rádio Vaticana noticiou as ameaças de morte aos bispos Dom Luiz Gonzaga Bergonzini, de Guarulhos, Dom Benedito Beni dos Santos, de Lorena e Dom Nelson Westrupp, de Santo André

Home > Chiesa > notizia del 24/10/2010 13.56.07

Brasile: vescovo minacciato di morte per aver difeso la vita nascente

La Chiesa cattolica difende sempre la vita “in tutte le sue fasi e nelle varie dimensioni, sia quando la vita è minacciata, come quella dei popoli indigeni, oppure quella degli anziani”. Così il presidente della Conferenza episcopale brasiliana, mons. Geraldo Lyrio Rocha, si è espresso manifestando la propria solidarietà al vescovo di Guarulhos, Luiz Gonzaga Bergonzini, minacciato di morte per aver difeso il diritto alla vita e per aver parlato contro l’aborto durante la campagna elettorale. Il presule ha ricevuto anche l’appoggio del presidente Lula da Silva e del candidato alla presidenza, Dilma Rousseff, ma purtroppo non si tratta di un caso isolato: a ricevere minacce esplicite sono stati, riferisce l’agenzia Fides, anche il vescovo di Lorena, Benedito Beni Dos Santos, e il vescovo di Santo André, nonché presidente della Regione Sud 1, Nelson Westrupp. “Lo Stato è laico, ma la società brasiliana è profondamente religiosa: cattolica, evangelica, di culti africani o indigeni – ha incalzato il presidente dei vescovi – questo è il motivo per cui tutte le religioni possono e devono esprimere le loro opinioni su un determinato argomento”. Mons. Lyrio Rocha, inoltre, ha sottolineato che la procedura, in base alla quale il vescovo diocesano di Guarulhos si è espresso per il territorio di sua competenza, e non rivolgendosi all’intera nazione brasiliana, sia assolutamente regolare e nell’ambito del modo di agire della Chiesa, precisando, infine, che non ci sono opinioni contrastanti su questa materia all’interno dell’Episcopato brasiliano. (R.B.)
(http://www.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=433545)

Nenhum comentário: